Atlantic la goletta dal record più lungo. 

Per molti il nuovo   rappresenta anche il meglio ma evidentemente  non per un   ricco imprenditore tedesco   che ha voluto ricreare Atlantic  una vecchia e gloriosa goletta  a tre alberi nota tra gli appassionati perché nel lontano 1905 stabilì il record  per l’attraversamento transatlantico più veloce  da parte di  un monoscafo coprendo  le 3006 miglia di distanza tra l’America e l’Inghilterra  con un tempo di 12 giorni, 4 ore, 1 minuto e 19 secondi.

 Il record è ricordato anche perché è il   più lungo nella storia della nautica da diporto battuto, dopo quasi 100 anni, nel 1997 dallo yacht a vela   Nicorette   che completò la traversata in 11 giorni 13 ore e 22 minuti.

Per essere precisi 75 anni più tardi il record fu battuto da Eric Tabarly però su un trimarano dal nome Paul Ricard.  Ma fu solo nel 1997 che un altro monoscafo, Nicorette, completò il percorso con il nuovo record.

L’impresa di allora fu compiuta   dal leggendario capitano Charlie Barr , vincitore di ben tre volte della allora America’s Cup    ingaggiato poi per gareggiare con Atlantic e nella gara della Kaiser’s Cup del 1905    stabilì questo celebrato record.

Il vecchio Atlantic fu   commissionato dal socio del New York Yacht Club, Wilson Marshall   ed è stato progettato da  William Gardner , uno dei più famosi designer americani di allora di grandi yacht ed è stato realizzato dai cantieri Townsend e Downey . Varato nel 1903   già dalle prime prove in mare, fu chiaro che era una goletta eccezionalmente veloce e bella, ma   allora nessuno poteva prevedere   che due anni dopo questo yacht avrebbe stabilito un record che ha resistito per quasi un secolo. Tra l’altro a differenza delle altre   golette da competizione, Atlantic era dotato di ogni lusso e comodità che il proprietario Wilson Marshall non aveva mai sentito la necessità di limitare, nonostante Atlantic fosse la goletta più veloce sull’acqua del momento.

Nel tempo   la goletta è stata interessata da diversi passaggi di proprietà ed è stata impiegata per usi civili e militari e gli sono stati attribuiti diversi riconoscimenti e premi addirittura è stata oggetto anche di un libro e per molti rappresenta la goletta da corsa più famosa e amata di tutti i tempi.

Il vecchio Atlantic è stato demolito nel 1982, e circa un quarto di secolo dopo nel 2008 è stata varata la sua nuova ricostruzione per le prime prove in mare presso i cantieri olandesi Van der Graaf a Hardinxveld – Giessendam ma è stata completata solo  nel 2010, adesso è la più grande goletta da regata classica che sia mai stata ricreata.

Il proprietario il tedesco Ed Kastelein, discendente dei fondatori della «Holland-America Line», compagnia di navigazione tra le più importanti al mondo, ha preteso   una replica Atlantic in grandezza naturale con la sua lunghezza massima F.T. di 69 metri.

L’operazione è riuscita perfettamente tanto che oggi la replica in acciaio dello schooner a tre alberi del 1903 rappresenta un tesoro della marineria mondiale. Nel 2011 è stato   premiato vincendo “World Superyacht Awards” come il più bello veliero al mondo nelle imbarcazione a vela sopra il 45 metri di lunghezza.  Un’imbarcazione per essere eccellente molte volte dipende anche dall’armatore ma in questo caso possiamo dire che l’apporto del proprietario è stato determinante da vero appassionato ha voluto che la replica di Atlantic fosse tale anche nei minimi particolari dalla linea di galleggiamento di 42 metri il fascio ristretto dello scafo e il piano velico e molto altro ancora. Tanta attenzione è stata prestata nella giusta scelta degli arredi e dei materiali utilizzati  degli abbinamenti dei tessuti o delle pelli per creare   un’atmosfera elegante e confortevole. Atlantic può ospitare fino a 12 ospiti in 6 camere, 3 cabine doppie e 3 cabine matrimoniali. Poi ci sono le cabine per l’equipaggio in grado di alloggiare fino a 11 membri.

E’ stata un’opera di ricostruzione dell’originale   molta attenta e scrupolosa alla fine il risultato è stato davvero sorprendente.

 Vedere avanzare   questo imponente ma elegante e   sontuoso veliero che solca le onde a vele spiegate con uno stile senza tempo, lasciando una estesa e spumosa scia sull’acqua è uno spettacolo unico indimenticabile.

  Principali caratteristiche tecniche

Anno: 2008

Cantiere:  Van der Graaf (Olanda)

Progetto: William Gardner 

Lunghezza F.T.: 69,24 m

Lunghezza sul ponte: 56,43 m

Lung.al galleggiamento: 41.18 m

Larghezza: 8.85 m

Pescaggio: 4.90 m

Dislocamento: 303 ton.

.

47 M E-VOLUTION IL NUOVO SLOOP DI PERINI NAVI

Tra le barche in cantiere di Perini Navi è prevista la realizzazione di una nuova barca a vela lunga 47 metri e larga 10,5 della serie E-Volution con il nuovo sistema di propulsione ibrido che combina un motore diesel con un motore elettrico messo a punto proprio da Perini Navi. Continua a leggere “47 M E-VOLUTION IL NUOVO SLOOP DI PERINI NAVI”

YACHT A VELA EVOLUTION 42 M GTS LUSSO, COMODITA’ E PRESTAZIONI

 

 Con il termine GTS, simile alle automobili, s’indica imbarcazioni costruite in piccola serie per clienti alla ricerca di lusso e comodità con migliori prestazioni ma adatte anche alle lunghe percorrenze. Continua a leggere “YACHT A VELA EVOLUTION 42 M GTS LUSSO, COMODITA’ E PRESTAZIONI”

Black Pearl lo yacht a vela con il nuovo armo DynaRig

Black Pearl (Perla Nera) è  uno yacht  a vela di lusso con lo scafo in acciaio e le sovrastrutture in alluminio  lungo 106,7 metri e largo 15 metri, è tra i primi posti nella lista delle barche a vela  più grandi al mondo. Una classifica provvisoria che è destinata rapidamente a modificarsi ora si pone al secondo posto subito dopo “A” lo yacht a vela progettato dall’architetto francese di fama mondiale Philippe Stark. Continua a leggere “Black Pearl lo yacht a vela con il nuovo armo DynaRig”

Yacht a vela “A” la scultura galleggiante

  

Diciamo subito che “A” è un vero e proprio mega yacht a vela innovativo certamente al di fuori dal canone dei classici yacht di lusso che noi siamo abituati a vedere con la sua estetica di rottura con delle linee nette spinte e futuristiche la rivista inglese Boat International lo ha definito “il superyacht di spinta di confine”.   Continua a leggere “Yacht a vela “A” la scultura galleggiante”