Motore Mercury Racing 450R l’asticella si alza. 


Molti modelli di barche ad alte prestazioni devono gran parte del loro attuale successo alla  linea fuoribordo Verado, in particolare ai  potenti e affidabili motori  Mercury Racing 250R ; 300R; 350R;  400R. La novità di quest’ anno è che la Mercury Racing ha realizzato un nuovo fuoribordo il 450R non esclusivamente ma specialmente per le barche ad alte prestazioni con una potenza impressionabile senza precedenti di 450 cv con un’accelerazione pazzesca tra l’altro anche leggerissimo pesa appena 313 kg si presenta in un formato compatto tale da poterlo utilizzarlo e adattarlo ad ogni possibili configurazioni in particolare per le applicazioni multiple.

Questo nuovo   450R   è il risultato di un lungo programma di sviluppo durato 4 anni durante il quale è stato sottoposto a numerosi test sia in acqua che in laboratorio ed è stato progettato per ottenere una massima potenza con un peso minimo e per resistere alle condizione più estreme di navigazione ad alte prestazioni per soddisfare le aspettative della clientela più esigente.

Alla fine tutti gli obiettivi sono stati raggiunti   ed attualmente il 450R è il   motore più potente e affidabile e tecnologicamente il più evoluto del momento. La Mercury Racing ha voluto ancora una volta alzare l’asticella e ridefinire nuovi livelli di potenza e   velocità massima mai conseguiti prima per motori prodotti in serie.

Questo sempre grazie alla sua grande esperienza acquisita   nel mondo delle competizioni con numerosi titoli e campionati vinti da barche e piloti che hanno utilizzato i motori vincenti Mercury un marchio di successo riconosciuto a livello mondiale.  

Progettato e sviluppato internamente in Wisconsin su una linea di produzione Mercury Racing, è un motore che si base sullo stesso a 8 cilindri a V da 4,6 litri dei modelli 300R aspirati con un impressionante rapporto peso/potenza di 1,4 cavalli per kg. Il motore è potenziato da un compressore volumetrico da 2,4 litri a doppia vite esclusiva Mercury Racing, che ormai utilizza nei suoi motori da ben 15 anni, per produrre una sovralimentazione immediata per una risposta di accelerazione istantanea e per generare una potenza  di picco di 450 cv ad asse elica e una coppia del 40 percento superiore rispetto al già potente 400R il che fa ipotizzare grandi prestazioni anche su barche non necessariamente leggere.

Il monoblocco in alluminio a V di 64° gradi ha testate in alluminio con il design Quad Cam Four Valve (QC4) Mercury Racing e doppi alberi a camme in testa (DOHC). Il treno valvole offre un profilo camme di aspirazione ad alte prestazioni e valvole di scarico Inconel specifiche per racing. Gli alberi a camme sono a catena di trasmissione a bagno d’olio, senza cinghia di distribuzione, che non richiede manutenzione.

Attentamente è stata progettata la disposizione del nuovo compressore e dei dispositivi di raffreddamento per l’area di sovralimentazione che permettono al 450R di utilizzare la stessa calandra a linea sottile del modello 300R, nonostante bocchette d’aria a flusso più elevato, e con un peso complessivo di circa 10 Kg in più rispetto al 400R un risultato ingegneristico davvero sorprendente. Il fuoribordo 450R Mercury Racing offre il massimo delle prestazioni con carburante da 95 RON.

 Il compressore volumetrico è raffreddato ad acqua grazie alla presenza di doppi   intercooler   di un radiatore dell’olio e una speciale valvola che regola flusso dell’acqua di raffreddamento in base al regime di rotazione del motore tutti elementi progettati da Mercury Racing che riducono la temperatura dell’aria aspirata compressa al fine di aumentare la densità dell’aria così la potenza generata. Il   regime massimo di rotazione si estende da 5800 a 6400 giri/min.

Un motore dove la avanzata tecnologia appare in ogni suo dettaglio, come il silenziatore del compressore volumetrico, il ridotto l’ingombro dell’elettronica, un buon accesso alla manutenzione, la compatibilità per le applicazioni multiple, l’esclusivo sistema Advanced MidSection (AMS) Mercury Racing con piastre di acciaio inox, la barra di accoppiamento posteriore, il servosterzo elettroidraulico, la elevata capacità di carica dell’alternatore  e altro ancora.

I piedi    di questi motori poi sono   davvero speciali e si può scegliere tra due versioni   lo Sport Master (il piede da corsa) progettato per barche in grado di superare la velocità di 70 nodi   oppure il tradizionale piede 5.44 HD per installazioni da diporto più immerse e a velocità inferiore. Tutti i piedi del 450R hanno un rapporto di trasmissione al piede 1, 60:1 per aumentare accelerazione e velocità

Per le eliche si può decidere a seconda del tipo di imbarcazione   e dalla velocità in gioco tutte sono progettate per massimizzare le prestazioni e la maneggevolezza. “Ogni singola elica è equilibrata e misurata per garantire prestazioni costanti” garantisce  Mercury.

Per I colori   del 450R si può optare tra il nero e il bianco ma sono disponibili kit di pannelli di finitura per l’abbinamento personalizzato del fuoribordo ai colori della barca.

La tecnologia non finisce qui anzi si amplia la    Transient Spark di Mercury consente   un anticipo di fasatura pre-programmato per ottimizzare la coppia generata per prestazioni da primato. “Il controllo di velocità adattivo con la calibrazione personalizzata Mercury Racing mantiene automaticamente il regime del motore indipendentemente dalle variazioni di condizioni o di carico” commentano i tecnici Mercury questo significa che non sono richieste frequenti regolazioni del controllo dell’accelerazione ad esempio in acque agitate, per virate strette, traina sportiva e basse velocità in planata.

In alcune applicazioni   si può accelerare fino a sei fuoribordo con una sola leva grazie alla compatibilità del 450R con i controlli i digitali Mercury Racing Zero Effort o con qualsiasi sistema di controllo digitale Mercury.

Il Joystick Piloting opzionale per fuoribordo (JPO) è disponibile per le imbarcazioni attrezzate da due a sei fuoribordo e fornisce un controllo  a portata di mano a 360 gradi dell’imbarcazione per l’attracco e le manovre in spazi ristretti, oltre alla comodità delle funzioni di tenuta in mare Skyhook (ancora elettronica) e al pilotaggio automatico integrato.

L’elettronica   disponibile  Mercury VesselView   è in grado di monitorare simultaneamente il regime, la velocità, il flusso di carburante e l’efficienza, l’assetto e altro fino a sei fuoribordo su un display touchscreen  da sette o nove pollici e  abilita inoltre Advanced Sound Control, un sistema silenziatore doppio che può essere impostato nella modalità ultra silenziosa o sportiva all’avvio.

La produzione del   fuoribordo 450R Mercury Racing   è iniziata a partire dal mese di luglio di quest’anno 2019   e   si possono scegliere diverse opzioni per creare una soluzione fuoribordo personalizzata.

Per la sua alta affidabilità alla massima velocità sicuramente aprirà nuovi scenari nella motorizzazione di nuove barche e nella rimotorizzazione di quelle che già oggi solcano i nostri mari.  

Il costo base si aggira intorno ai   54.000 dollari   poco al di sopra a quello del 400R  facendo un po’ di conti alla fine  può risultare   conveniente sostituire una vecchie quadrupla di minor potenza  con una tripla di Mercury Racing 450R cogliendo così una grande opportunità per diminuirne il consumo complessivo conservando le emozioni della velocità

Una barca spinta da una tripla di questi motori è stata associata a una  macchina dello spazio dove si riescono a raggiungere mete lontane in brevissimo tempo insomma è una barca veloce anzi velocissima. Tanta potenza che bisogna saper controllare sapientemente e non farsi travolgere dall’emozione usando sempre la testa come un vero pilota da formula 1 del mare. 

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web

2 + 5 =