LA BARCA A VELA EGOIST PER I NAVIGATORI SOLITARI

 

 

Così come proclamato per la prima volta ad agosto 2016, la prossima estate dovrebbe essere varato dopo appena 2 anni di lavoro il superyacht a vela Egoist del prolifico designer Philippe Briand, noto architetto navale francese che vive a Londra. Con Egoist, Philippe Briand, si rivolge a quella parte di velisti con esperienza e con grosse disponibilità economiche che in qualsiasi  momento della giornata decidono di staccare la spina per andare a navigare insieme alla propria compagna per vivere in perfetta solitudine le meraviglie del mare  senza però rinunciare al piacere del comfort di un maxi yacht di lusso. Il famoso designer in merito al progetto dichiara: Continua a leggere “LA BARCA A VELA EGOIST PER I NAVIGATORI SOLITARI”

THE SAILING BOAT NGONI THE BEAST OF THE SEAS

Ngoni is a luxury sailboat of 58 m (about 190 feet) 9.5 m wide with a draft of 8.1 m, with a slender aluminum hull and an aluminum superstructure.

The naval architecture was designed by the English firm Dubois Naval Architects of the late Ed Dubois who died at the age of 63 in March 2016 about a year before the launch of the Ngoni. According to the British newspaper The Daily Telegraph, Ed Dubois was “one of the greatest yacht designers in the world”. Famous is his following thought on the designs of sailing boats:

” For me the priority, and most of the time dedicated, is to make sure that a boat is first of all beautiful to see. The fact that it goes well with sailing comes soon after, it is a consequence. It also applies to racing boats “.

Therefore Ngoni will surely be remembered in history as the last yacht designed by the famous English designer. The interiors were designed by Rich Baker and Paul Morgan, while the furnishings are designed by Francis Sultana. The realization of this luxury yacht was performed at the excellent Dutch shipyard of the Royal Huisman. This shipyard was chosen directly by the experienced sailor owner, especially for offshore racing.

The project was presented for the first time during the Monaco Yacht Show 2014 and followed the owner’s guidelines. After three years of work the boat has been completed with great satisfaction of all in the first place of the owner. “Build a beast. Do not make me a wolf in sheep’s clothing. This must be a sharp and innovative weapon, fast and furious. I want to get behind the wheel after a day of sailing and feel completely exhausted by the excitement of fast sailing “.

This was the first input that the shipowner recommended by addressing the chosen shipyard. When completed, we can say that the Royal Huisman certainly did not disappoint the expectations. In fact, Ngoni also known as The Beast name deriving from the first explicit request of the shipowner is a well-crafted elegant boat where an appropriate balance between speed, seaworthiness and long-range cruising capacity solicited by the owner has been achieved.

The hull is easy to drive and the exteriors have been built through different innovative solutions from the helm that the owner insisted on that it had to be light but stable, ready and adjustable. Royale Huisman turned to Edson International to build this custom rudder and in the end one of the most advanced double rudder steering systems currently in existence was built with a unique sensitivity in the control and management of the boat.

In addition, the boat has a lifting keel and a sail plan the most efficient that could be achieved for this type of boat with a 72-meter carbon mast and a system of electrically driven reel winches with variable speed. In the engine room a motor is installed that allows navigation without sail with a maximum speed of 17 knots. Part of the exterior of the hull is covered by an elegant aluminum superstructure with molded double curvature glass inside a starboard forward navigation area. Through a sliding glass door you then enter the salon. All the superstructure is surrounded by sliding glass automatically activated to guarantee a comfortable environment in any weather condition.

The exteriors are completed by the presence of a folding swim platform aft a spa pool in the bow and a large teak deck under which there is space to hide a large tender, a crane, a thermal pool, a locker for the sails and another for cooled waste.

The owner’s lodgings and guests are accessible via a curved staircase and follow the owner’s guidelines: “Do not design traditional yacht interiors”. They consist of two double guest cabins with private bathrooms.

A suite of owners, aft, which includes a full-beam master cabin with built-in furniture, a huge bathroom, a large study with its own bathroom and a huge gym with a large hatch in the hull to let in fresh air and natural light.

There are lodgings near the machine hall for a maximum of 9 crew members. The owner of this boat has owned other sailing yachts and actively participates in the regattas.

He won numerous trophies in important regattas including the Cowes Week and in particular won the important Commodores’Cup in 2000. He names all his yachts with an exotic name Ngoni, refers to the people of Africa precisely to an ethnic group that he lives in the southern African countries of Malawi, Mozambique, Tanzania and Zambia and the singular language of this people as well as the unique character of sailing boats.

The owner became a millionaire in the energy sector former oil platform diver was the founder of Heritage Oil, which then sold for $ 1.4 billion. He is also the owner of Diamond Works, a Canadian mining company. He was previously also a security consultant for various governments. Its net worth is estimated at around 700 million dollars.

During the implementation phases of the project managers including Ed Dubois, who unfortunately could not find through the sea trials, the results of what was his latest design have released the following comments:

Given their reputation for excellence, Royal Huisman has been the owner’s choice of construction site right from the start, “said Ed Dubois. “This is a compelling design that does not take for granted the combination of high performance, style and comfort. It is a design that marks a fresh and progressive turning point in our long and successful history. This is a yacht, inspired by a customer looking for the next new thing; a dream project for both designers and the shipyard “

Alice Huisman confirms:

“A great customer, a great design team and a great project. Everything about this project has our name on it: Royal Huisman is the perfect solution for every aspect of the project and the requirements to build it.

adds Ed Dubois:

“He wanted a high-performance cruising yacht, from anywhere, that was not only extraordinarily different, but that was also beautifully built and luxuriously comfortable.”

The beast was built as it was requested.

Main specifications
Length above all: 58,15 m
Width: 9.54 m
Draw: 5.30 m – 8.10 m (Keel lifting)
External design: Dubois Naval Architects
Naval Architecture Dubois Naval Architects
Interior Design: Rick Baker / Paul Morgan
Interior accent pieces and exotic finishes: Francis Sultana
Light Design: The Light Corporation
Speed ​​of the hull (basic engines 17 knots
Main sail 853 m²
Blade: 687 m²
Sailing code: 1097 m²
Stay Sail: 289 m²
Shaft height / air draft: 71.00 m / 75.00 m
Displacement: 353 t
Gross tonnage: 396 gt

LA BARCA A VELA NGONI LA BESTIA DEI MARI

Ngoni è una barca a vela di lusso di 58 m (circa 190 piedi) larga 9,5 m con un pescaggio di 8,1 m, con uno scafo slanciato in alluminio e una sovrastruttura in alluminio. Continua a leggere “LA BARCA A VELA NGONI LA BESTIA DEI MARI”

La barca a vela My Song la passione di un armatore

 

Che cosa spinge un armatore esperto velista che dopo aver sviluppato un’attività lavorativa con ottimi risultati a un certo punto della vita, decide di vendere la sua affermata industria per avventurarsi nella realizzazione di una grande barca a vela lunga circa 40 metri (130 piedi) da utilizzare per lunghe crociere e per le competizioni veliche se non la vera e autentica passione per il mare e la vela.

Quest’armatore possiede già una barca a vela più piccola denominata My Song lunga 84 piedi (25 metri) molto famosa tra gli appassionati di vela per aver vinto tante regate tra cui anche la straordinaria Maxi Rolex Cup nella categoria Racing-Cuising.

La nuova My Song perché conserva il nome di altre barche dello stesso armatore compreso il My Song di 25 metri, è stata costruita nel prestigioso cantiere finlandese di Baltic Yacht. Mentre il progetto delle linee d’acqua, è stato eseguito dallo studio americano di Reichel e Pugh, lo stesso che ha progettato il My Song di 25 metri mentre il disegno di coperta e interni è stato curato dello studio milanese Nauta Design.

In pratica è stato scelto il meglio per la realizzazione di questa barca il risultato finale non poteva che essere eccezionale.  Infatti, attualmente è una delle barche a vela più belle al mondo e tra quelle più tecnologicamente avanzate del momento.

Studiata, per non essere troppo pesante, il suo peso è di circa cento tonnellate non sono niente rispetto alla misura e dimensione della barca tra cui 41 tonnellate circa sono il peso della zavorra.

Questo è stato possibile perché per la realizzazione dello scafo è stato utilizzato materiale composito tecnologicamente avanzato ad alta percentuale di carbonio.
Un particolare sistema di propulsione a motore consente alla barca di avanzare anche senza il sistema velico con un piede con elica che scende quando bisogna utilizzare il motore e sale nascondendosi all’interno dello scafo quando bisogna andare a vela in questo modo la resistenza all’avanzamento è la minima possibile migliorando le prestazioni. Questo sistema installato si chiama “retractable Propulsion System” di Baltic Yacht.

La barca è dotata di una chiglia retrattile che può andare dai 7 ai 4 metri di pescaggio. La chiglia di sollevamento di My Song, a 36,25 tonnellate, proviene dal mondo degli yacht da regata. Si assottiglia da cima a fondo, il che migliora le prestazioni idrodinamiche e riduce la superficie bagnata, risparmiando circa due secondi al miglio in velocità rettilinea, , afferma il direttore del progetto di Nauta Yachts , Martino Majno .

Per quanto riguarda l’assetto e l’attrezzatura del sistema velico, l’armatore può scegliere tra due configurazioni basi tra quelle a regate e quella di crociera. Il piano velico di base è composto di una randa 530 mq; genoa 380 mq; gennaker 1.300 mq. Con assetto di regata la barca può navigare a velocità superiori al vento reale presente in quel momento perché queste grandi barche riescono a costruire vento apparente e quindi grandi velocità  anche nelle andature di bolina.

Con questa imbarcazione si è scelto di costruire una coperta semplice pulita e piatta larga 8,52 metri che inizia circa a centro barca e continua quasi conformemente fino alla poppa con una piccola tuga poco invadente e dove sono presenti solo le cose necessarie per la gestione della barca. Si è cercata di trovare una soluzione di compromesso per realizzare una barca adatta per lunghe crociere e nello stesso tempo competitiva per vincere regate.

“La nostra specializzazione è quella di unire queste due cose insieme, ma non l’abbiamo mai fatto fino a questo punto. Mai. Il risultato è stato reso possibile dalle straordinarie capacità del costruttore afferma Mario Pedol di Nauta Yachts inoltre aggiunge la combinazione tra performance, eleganza, comfort e funzionalità è forse il tratto più distintivo di My Song . Tutto è stato disegnato e costruito per essere leggero persino i supporti dei cavi e dei passaggi degli impianti sono realizzati in carbonio”.
Anche l’elettronica è perfettamente nascosta con degli evidenti schermi di controllo presenti solo davanti alla ruota del timoniero. Esistono poi anche degli strumenti portatili che sono adoperati dall’equipaggio durante le regate.

Gli interni, hanno uno stile accogliente, caldo, ma al contempo, con un gusto tipicamente marino così come richiesto dall’armatore, sono caratterizzati dalla presenza di un salone a tutto baglio una grande cabina armatoriale a prua e dietro questa cabina si trova una seconda camera da letto più piccola che può essere utilizzata anche come semplice studio. Poi ci sono altre due cabine doppie che si trovano a poppa del salone.

Molto accurata è stata la ricerca dei materiali utilizzati per non fare aumentare il peso della barca. In particolare per la realizzazione dei pavimenti e soffitti la scelta è caduta su un composito di resina e lino riscoprendo così l’utilizzo delle fibre naturali.

“La mia visione dell’ultimo My Song era per un yacht che sarebbe estremamente leggero, veloce e facile da gestire: un vero concorrente di regate di superyacht”, afferma l’armatore della barca, aggiungendo che questo doveva bilanciarsi con un “interno accogliente, confortevole e lussuoso” .

Tutti gli obiettivi sono stati raggiunti e tutte le esigenze dell’armatore, sono state soddisfate. Varata nell’estate del 2016 già nel 2017 sono arrivate le prime attestazioni di stima, infatti, il My Song 130 piedi ha vinto due premi nello ShowBoats Design Awards 2017. Il premio per lo yacht più innovativo e quello per il migliore Exterior Design and Styling.

Certamente è un importante riconoscimento per lo studio Nauta Yacht Design milanese e lo studio di Reichel e Pugh.

 Adesso non ci resta che attendere che il nuovo My Song uguaglia e supera il numero di vittorie sportive dell’omonimo più anziano anche se in una classe velica diversa.  Al riguardo l’armatore ha rilasciato la seguente dichiarazione. “La nuova barca è impegnativa e stimolante, naturalmente richiede del tempo per conoscerla ed essere condotta al meglio”. Come  tutti i cavalli di razza  nati per correre, per poi vincere.

 

 

 

Perini Navi annuncia il nuovo Eco Tender 25 m, un cabinato davvero speciale.

Le barche di appoggio o “barche ombre” di solito sono delle imbarcazioni lunghe tra i 20 e i 36 metri studiate per offrire degli spazi integrativi quando il mega yacht non basta. Continua a leggere “Perini Navi annuncia il nuovo Eco Tender 25 m, un cabinato davvero speciale.”