Il grande mistero di Triple Deuce

La 4Yacht Inc., fondata nel 2002 famosa   come “Dream Makers” nel mondo dello yachting è una società di brokeraggio   che attraverso i   suoi   professionisti   di yacht assistono i loro clienti all’acquisto e la vendita di yacht di lusso.

Nell’ottobre 2014 questa compagnia dichiara di aver ottenuto un contratto per costruire Triple Deuce  un superyacht a motori  lungo 222 metri (728 piedi) che  sarebbe diventato il più grande del mondo.

 Questo annuncio lo fa attraverso il suo broker Craig Timm che commenta “Project Triple Deuce sta per dare fuoco al mondo non solo come il più grande yacht privato mai costruito … ma anche il più costoso, con un costo di oltre $ 1 miliardo di dollari”.

Questo avviso destò   un po’ di scalpore nel mondo dello yachting non tanto per la grande e stretta riservatezza sul presunto nome del proprietario ma risultò abbastanza insolito che un’agenzia di brokeraggio pubblica attraverso un comunicato stampa la creazione di uno yacht di tale portata pubblicando anticipatamente anche il costo senza definire quando è stato firmato l’ordine, chi sono i designer, da quale cantiere sarà costruito. A riguardo seguirono le seguenti dichiarazioni rilasciate sempre dal yacht broker Craig Timm:

“Il progetto Deuce costerà $ 1,1 miliardi a $ 1,2 miliardi”,

 “E non dimenticate di aggiungere i costi operativi annuali – su uno yacht di queste dimensioni, il proprietario aumenterà di altri $ 20 fino a $ 30 milioni all’anno”.

“Il nostro cliente era preoccupato che, se avessimo costruito uno yacht intorno ai 200 metri, poi sarebbe potuto arrivare qualcuno come Roman Abramovich, che con l’Eclipse, lungo di 163,5, metri superò quello dello sceicco Maktoum di soli 1,5 metri. Con la costruzione della barca a 222 metri, il proprietario vuole rendere difficile, se non impossibile, eclissarlo”.

 “E a chi sollevasse dubbi sulla “moralità” di una spesa del genere, Timm ricorda che per costruire Triple Deuce saranno necessarie tra due e tre milioni di ore di lavoro, per cui il cantiere impiegherà direttamente non meno di 500 persone per un periodo di tre anni. Senza contare le opere in subappalto, quelle impiegate per i materiali impiegati già presenti sul mercato, e l’equipaggio composto da 70 persone.”

Inoltre sulla   rivista   GQ Italia  che si occupa di  moda prevalentemente  maschile  , lusso, auto, tecnologia, food  che ebbe l’esclusiva per la pubblicazione  delle notizie sul progetto si appresero maggiori dettagli .Infatti per quanto raccontato  da GQ Italia, la navigazione   dell’imbarcazioni dovrebbe avvenire attraverso la  spinta di tre turbine a gas in grado di sviluppare una velocità massima di 30 nodi senza escludere i più moderni sistemi di propulsione pod-azimutale a trasmissione elettrica al posto dei timoni.

Altri dettagli riguardano la suite armatoriale che sarà sviluppata su due livelli al settimo ponte per un totale di 275 metri quadrati con accesso diretto all’eliporto. Palestra, bagno con sauna, studio e cabina del maggiordomo personale completano la zona notte.

Quattro suite da 90 metri quadrati saranno riservate agli ospiti vip, tutti gli altri dovranno “accontentarsi” di cabine da 60 metri quadrati ciascuna. Il superyacht dovrebbe ospitare fino a 36 passeggeri.    A disposizione due piscine (una coperta), barbiere, coiffeur, sala massaggi, alcune Jacuzzi, una sala home theatre   e tanti giochi d’acqua. Presumibilmente la consegna al proprietario dovvrebbe  avvenire attraverso un programma intensivo entro il mese di settembre del 2018.

Questa imbarcazione scalzerebbe tutti i record che ora appartengano ad Azzam lungo 180 metri costato 500 milioni di dollari è lo yacht più grande più costoso e veloce al mondo dello Sceicco al-Nayandi Abu Dhabi.

Triple Deuce con i suoi 222 metri  distaccherebbe  Azzam,   di ben 42 metri non di pochi metri sarebbe  difficile   ma certamente non impossibile fare di meglio se qualche altro miliardario decidesse di accettare la sfida.

È proprio come la competizione  che attualmente sta interessando il turismo di crociera di massa dove si stanno    costruendo    mega navi da crociera sempre più grandi e competitive per  accogliere  sempre un numero maggiore di passeggeri  alla volta per offrire crociere a prezzi sempre più stracciati. Solo che  in questo caso ci sono in ballo grossi interessi  in un settore da anni in  forte  crescita.

 La domanda sorge spontanea ma sarà anche funzionale un yacht con   queste dimensioni  una  vacanza  significa libertà e facile accesso a tutte le migliori spiagge del mondo.

Sicuramente uno yacht di questa portata   non potrà   entrare in tutti i porti del mondo. Sarebbe uno yacht privato con le stesse restrizioni che attualmente ha una nave da crociera per il turismo di massa che con dimensioni anche inferiori trasporta migliaia di passeggeri con centinaia di membri di equipaggio e ormeggia solo in porti di rilevanti   dimensioni che di solito coincidono con quelli di grandi città marittime.

Quali  sono i piaceri di aver un yacht privato  se non quelli di pianificare  viaggi meravigliosi  e  di raggiunger tutti  i posti del mondo anche i più remoti. Magari poi  attraverso un tender spiaggiare sulle spiagge più belle e lontane e esplorare le insenature più caratteristiche. Questa è la logica ma evidentemente tra super ricchi non funziona esattamente così.

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web

3 + 3 =


WordPress spam blocked by CleanTalk.