Bee Gees le ugole d’oro

Cattura22

I Bee Gees i Re  della musica pop con 220 milioni di dischi venduti in tutto il mondo. Un gruppo formatosi in Australia negli anni sessanta si è sciolto definitivamente solo nel 2012 con la morte di Robin che segue la fine di Maurice avvenuta improvvisamente all’inizio del 2003. La band composta essenzialmente dai fratelli Gibb, Robin, Maurice e Barry dotati di una voce straordinaria e famosi per i loro falsetti. Avevano la consuetudine di comporre quasi tutti i brani, che poi si sono rilevati di grande successo, mettendo  in primo piano la  loro talentuosa  estensione vocale,  così facendo i loro brani sono unici , inconfondibili e bellissimi.  I Bee Gees hanno composto dei brani musicali veramente di ottima fattura per melodia e interpretazione. Cattura20

Il maggiore consenso di pubblico si riscontra  nella seconda metà degli anni settanta quando composero la colonna sonora del film, la febbre del sabato sera interpretato da John Travolta e Karen Lynn Gorney. Il film fu definito come la celebrazione della disco music, musica dominante negli anni settanta e dove appunto i Bee Gees erano i più  rappresentativi  di questo genere  musicale. Tra i brani che costituivano la colonna sonora del film, si evidenzia sicuramente il brano Stayin’ Alive. Ma anche i brani come “How Deep Is Your Love”,  Night Fever, More Than a Woman e altri. Cattura21Stilando  una classifica  i  Bee Gees   si piazzono sicuramente  fra i primi cinque gruppi più popolari di sempre, affiancando leggende come Michael Jackson. Pensate il loro primo passaggio televisivo risale nel 1960 e  grazie alla loro versatilità compositiva, nonché alla semplicità ed efficacia delle loro melodie, sono riusciti a mantenere un grande successo nell’arco di  più 50 anni. Negli anni Ottanta, i Bee Gees,  si dedicarono a numerose collaborazioni con altri artisti. Nel 1980, Barry produsse “Guilty”, il più famoso album di Barbra Streisand (con il grande hit “Woman In Love”).
Altri album composti e prodotti dai fratelli Gibb, furono “Heartbreaker” di Heartbreaker (1982), “Eyes That See In The Dark” di Kenny Rogers (1983) e, soprattutto, “Eaten Alive” di Diana Ross (1985).

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web

5 + 8 =


WordPress spam blocked by CleanTalk.